La donna di potere vuole Hermès al braccio

Santanché, Parodi, Dompè, Rusic e le altre che non rinunciano a Birkin e Kelly
02 novembre 2015
yes

Di borsette è pieno il mondo. Ma se stagione dopo stagione vediamo susseguirsi in passerella nuove it-bag di ogni forma e dimensione, il brand iconico per eccellenza è sempre e solo uno: Hermès. E due sono le borse che alimentano i desideri femminili da generazioni e svuotano i portafogli: la Kelly e la Birkin.
La Kelly deve la sua fama soprattutto alla donna che le ha dato il nome: Grace Kelly. In una foto apparsa sulla rivista americana Life nel 1956, la principessa di Monaco, incinta di Carolina, sfruttava la borsa per coprire il pancione. Così l’accessorio, concepito originariamente nel 1892 come un porta sella, divenne istantaneamente simbolo di lusso ed eleganza.
Anche il percorso della Birkin è legata a una celebrità, Jane Birkin appunto. Si narra che nel 1984, durante un volo da Parigi a Londra, dove viaggiava anche Jean-Louis Dumas, allora presidente di Hermès, Jane aprì la sua borsa dalla quale caddero una moltitudine di fogli e appunti. Lei lamentò a Dumas la propria difficoltà di trovare una borsa per il week-end, che fosse femminile e comoda. In base alla sua descrizione, Dumas ne realizzò il prototipo e gliela fece arrivare a casa. Il resto è storia.

Mentre le star fanno a gara per avere il modello più esclusivo e le combinazioni più preziose, le fashion victim risparmiano per anni per poter avere l’oggetto dei sogni, sempre che riescano ad accedere alla lunghissima lista d’attesa. Con un prezzo che oscilla tra i 6mila euro per i pellami più comuni e i 150mila euro per la versione in coccodrillo e diamanti, la Kelly e la Birkin di Hermès sono anche le borse di preferenza delle donne di potere. Impegnate in politica o ai vertici di grandi società, queste signore hanno stipendi stellari e armadi da far girar la testa.

Birkin o Kelly? Ecco cosa scelgono le signore più influenti d’Italia.
La collezionista più agguerrita del Bel Paese è sicuramente Daniela Santanchè. La pitonessa preferisce la Kelly, dalla versione mini per la sera alle dimensioni più capienti da giorno, ma è stata immortalata anche con la Birkin.
Imprenditrice, conduttrice tv e socialite, Gabriella Dompè sceglie la Birkin, che sfoggia in vari colori, dal tabacco al grigio fino al bianco.
Ci spostiamo nel mondo dei media, con le sorelle Cristina e Benedetta Parodi che optano per la Birkin color biscotto. Ne avranno due o si scambieranno l’ambita borsa?
Altra giornalista ma stesso brand. Anche Francesca Senette punta su Hermès e alterna una Kelly color melanzana alla Birkin tabacco, regalo prezioso ricevuto dal marito.
E’ il momento di un’attrice e produttrice di tutto rispetto, Rita Rusic, che in giro per shopping o a spasso con le amiche sceglie sempre e comunque la Kelly.
Tra le donne più influenti della comunità economica, Marina Berlusconi non poteva certo non scegliere la Kelly come borsa di riferimento. Blu o bianca, rende comunque di classe ogni look.

 

Se Hermès è fuori portata, ecco delle alternative per tutte le tasche

 



I CONSIGLI DI LOOK DA VIP