yes

Pep buca i calzoni, Armani lo ammonisce

L'allenatore del Bayern troppo focoso a bordo campo. E diventa un idolo

Pep Guardiola è l’eroe del giorno in Germania. Surclassando il Porto con uno schiacciante 6 a 1, il Bayern Monaco ha conquistato la semifinale di Champions League (all’andata aveva perso). E il suo allenatore, che rischiava faccia e panchina, è stato il gran condottiero di questo risultato. Da bordo campo urlava, incitava, si arrabbiava. Pareva avesso il fuoco dentro. E come un vulcano è arrivato ad esplodere tanto da rimanere in mutande.

Pep Guardiola ama stare buona parte del tempo con le mani in tasca mentre guarda la partita in piedi sulla linea laterale del campo. E forse proprio agitandosi durante la gara ha tirato un po’ troppo i suoi pantaloni creandosi un enorme spacco sulla coscia sinistra che lo ha costretto ad arrivare a fine partita in mutande.

E sul banco degli “accusati” ci finisce Giorgio Armani visto che il fashion designer della squadra. Ma la notizia gustosa si trasforma in un giallo dopo che su Twitter si era diffuso appunto l’accusa che i pantaloni Armani di Guardiola fossero troppo stretti. E arriva la smentita ufficiale della maison: “Possiamo confermare che siamo il fashion partner ufficiale del Bayern e che la squadra, incluso l’allenatore – si legge nella nota – indossa i nostri completi MTM in tutte le occasioni
ufficiali, ma non necessariamente a bordo campo. Nella partita di ieri, Josep Guardiola non indossava il suo completo Giorgio Armani MTM”. Una toppa al buco, insomma.