yes

Sanremo: la giacca classica? E’ morta!

Dai blazer di Claudio Bisio ai luccichii di Baglioni: come ignorare questa tendenza?

Sanremo 2019 Claudio Bisio Achille Lauro Einar Irama Ligabue Biondo

Se è vero che sul palco dell’Ariston i brand fanno a gara per sfoggiare le proprie novità, vestendo i cantanti su una simbolica passerella musicale, non si può assolutamente ignorare la sequenza di giacche maschili estrose viste in questa edizione di Sanremo. Un tripudio!

A iniziare questa challenge è stato proprio Claudio Bisio che come primo outfit della serata d’apertura del Festival ha sfoggiato con coraggio e determinazione una giacca Etro in velluto blu, ricamata con perline e fili oro e bronzo: ebbene, era solo l’inizio. La maison ha firmato anche i ricercati capi di Irama e i due scherzosamente si sono concessi una battuta sul palco: “Bella la tua giacca!”, “Anche la tua! Sono un po’ invidioso”.

L’aplomb di Claudio Baglioni è stato supportato dagli esclusivi completi Ermanno Scervino. Il direttore artistico in quanto a giacche scenografiche ha concesso il bis rispetto all’anno precedente, non lesinando lurex, brillantini e cristalli.
Grande creatività, estro ed stravaganza per le giacche Dolce&Gabbana che quest’anno sono stati protagonisti di molte esibizioni all’Ariston, tra cui quelle di Einar, Nek e Ultimo.

Un incredibile sovrapposizione di stili anche per l’esibizione di Umberto Tozzi e Raf: alle loro giacche scure dall’allure barocca (fantasia cocco e damascato), si sono aggiunti i luccichii di Baglioni e il velluto verde di Bisio.
Che dire poi dello stile ricercato di Achille Lauro, del mood rocchettaro dei Negrita o dei look in pendant di Bommdabash? Nella gallery un veloce viaggio tra queste tendenze. Prendete nota!

LEGGI ANCHE
>>>I voti ai look di Virginia Raffaele<<<