yes

Ghenea super sexy, dietro c’è la mano di Conti

Con abiti Vionnet esplode la femminilità di Madalina nella terza serata di Sanremo

MORSO DELLA VIPERA
Pericolosamente sexy
Adatto per questa occasione
Un voto al colore
Non per tutte
9

IL NOSTRO GIUDIZIO

Esplode finalmente la femminilità di Madalina Ghenea durante la terza serata del Festival di Sanremo, incuso il fuoriprogramma hot.
Dopo Alberta Ferretti e Zuhair Murad, la showgirl romena ha indossato tre creazioni Vionnet, molto diverse tra loro e tutte efficaci sul suo fisico statuario.

Esordio con frange, con un abito dal ricamo “Iceberg Fringe” con tagli in sbieco e sandali argentati René Caovilla. Chiusura con un vestito articolato in georgette e organza, con doppio drappeggio sul bustino e gonna trasparente.
Ma è con l’abito rosso che Madalina Ghenea sarà ricordata per questo Sanremo 2016.

Un vestito importante e imponente, con incrocio frontale e profonda scollatura a V, con tagli laterali ricongiunti sulla schiena, in una tonalità scarlatta, perfetta con la sua carnagione.
La stoffa plissè si adagia sulle curve, accarezzando ed evidenziando.
Il pubblico applaude, i fotografi si soffermano tra le fessure del corpetto, ma è Carlo Conti che le dà il “tocco”.

La regia non inquadra ma l’ovazione in sala è fortissima e dopo l’esibizione dell’artista di turno, il presentatore, giustificandosi, spiega l’arcano.
Involontariamente, nell’accompagnarla dietro le quinte, Carlo le pone una mano sul fianco. Ma per non sfiorarle la pelle nuda, ha l’accortezza di posare la mano leggermente più in basso, cioè sul gluteo.
Gli obiettivi ne sono testimoni e forse la sera Carlo Conti avrà dato qualche altra spiegazione aggiuntiva a sua moglie.

 

LEGGI ANCHE: >>>Tutti i look della seconda serata<<<
LEGGI ANCHE: >>>L’austera prima serata di Sanremo 2016<<<