yes

Addio a Carla Fracci, icona di stile in bianco

Il total white ha contributo a rendere la "prima ballerina assoluta" un modello di grazia ed eleganza: il perché della sua scelta

Carla Fracci sempre in bianco

Ci ha salutati in silenzio e con discrezione Carla Fracci. La “prima ballerina assoluta”, che per oltre mezzo secolo ha rappresentato l’Italia in tutto il mondo, si è spenta nella sua casa di Milano a 84 anni, in seguito a una lunga malattia. Con la sua dedizione alla danza e il duro lavoro, la Fracci ha contribuito a dare lustro alla città meneghina e all’intero Paese. Approdata all’Accademia della Scala nel dopoguerra, ha poi spiccato il volo verso i palchi internazionali più blasonati. 

La grazia del total white

Una carriera lunga una vita, tanti i riconoscimenti, infinita la stima ma, nonostante fosse una delle étoile più famose di sempre, Carla Fracci si è distinta per grazia ed eleganza. A partire dallo stile che ha contribuito a renderla un’icona. E se c’è un colore che può rappresentare la sua inarrivabile delicatezza questo è il bianco. E infatti di bianco lei si vestiva (quasi) sempre. “Nel guardaroba invernale, da qualche parte, ho anche qualcosa di marrone e persino di verde”, aveva dichiarato la Fracci tempo fa in un’intervista. Ma di lei si hanno praticamente solo scatti in total white. 

LEGGI ANCHE >>>Virginia Raffaele a Sanremo nei panni di Carla Fracci<<<

Il pancione celato

Il motivo di questa sua scelta risale al 1969 ed è stata rivelata nel 2020 dal marito Beppe Menegatti. Incinta del figlio Francesco, Carla Fracci nutriva il desiderio di proteggere dai curiosi la pancia, seppur poco accentuata per sua stessa ammissione. Un desiderio di discrezione, che ben si sposa con la sua indole riservata. Il bianco abbinato agli abiti larghi le dava questa possibilità. “Oggi la pancia si mostra, io ho preferito fare altrimenti”, dichiarò. Una consuetudine che ha poi portato avanti nel tempo.

Il sodalizio con Laura Biagiotti

Da allora Carla Fracci l’abbiamo sempre vista così, con i camicioni lunghi, le gonne alla caviglia, gli abiti morbidi, i capi stratificati, le pashmine sulle spalle. Al collo portava spesso lunghe collane con grosse pietre e qui, a volte, le tonalità erano accese. C’è una stilista che, soprattutto negli ultimi decenni, ha contribuito a consacrare il suo stile unico: Laura Biagiotti. La Fracci era spesso in prima fila alle sfilate dell’amica. Un’apparizione candida e un volto sempre sorridente per una delle donne che più hanno dato valore all’Italia e che ora se ne va, in punta di piedi. 

Related Posts